Chi dorme non piglia pesci?

Posted by admin 20 dicembre 2012 0 Comment 1310 views

Le vacanze di Natale sono ormai alle porte.

E' il momento che noi sportivi bramiamo maggiormente per rilassarci e recuperare le energie:

1. ci possiamo allenare in maniera alternativa, al mare come in montagna, in città o fuori, divertendoci con discipline alternative alla nostra ma senza interrompere la programmazione; questo ci rilassa.

2. per qualche giorno possiamo godere dei piaceri della buona tavola, ovviamente sempre con coscienza: non dimenticare che sei un atleta! Questo ci gratifica.

3. ...e permetterci qualche ora di sonno in più! Questo ci rigenera.

Eh già il sonno. L'arma segreta di ogni atleta.

C'è stato un aumento dell'attenzione da parte dei ricercatori ai benefici del sonno per gli sportivi e gli atleti: si è visto che il sonno può concorrere al miglioramento della prestazione sportiva.

Ecco alcuni esempi dei loro risultati, che mostrano miglioramenti in una varietà di sport:

Nuoto: i nuotatori della Stanford University hanno dormito per 10 ore a notte per un periodo di 6-7 settimane. E' stato osservato che ciò ha portato a miglioramenti nella velocità, nel tempo di reazione e nei tempi di recupero tra una serie e l'altra. Tra i miglioramenti registrati si è misurato che questi lasciavano i blocchi  più velocemente di 0,15 secondi. Fuori dall'acqua, infine, i nuotatori hanno registrato una riduzione dei loro livelli di sonnolenza durante il giorno, miglioramenti al loro stato d'animo, più energia e minor sensazione di affaticamento.

Tennis: I ricercatori hanno chiesto a cinque membri della squadra di tennis femminile di Stanford di provare a dormire per 1o ore a notte per 5-6 settimane. I giocatori hanno migliorato i loro tempi di sprint, passando da una media di 19,12 a una di 17,56 secondi. Essi hanno, inoltre, aumentato la precisione del servizio, passando da una media di 12,6 servizi validi a una di 15,61.

Calcio: 7 giocatori della squadra di calcio di Stanford hanno dormito per 7-8 settimane 10 ore a notte. Il loro sonno prolungato ha portato miglioramenti sui test navetta- il tempo medio è sceso da 4,71 a 4,61 secondi. I giocatori, inoltre, hanno riportato maggior efficacia ai loro livelli di energia e di umore durante il giorno e ridotto l'affaticamento.

Basket: per 5-7 settimane, 11 membri della squadra di basket sempre della Stanford University hanno dormito fino a 10 ore a notte. Questo ha permesso miglioramenti nella precisione del tiro: i tiri liberi sono migliorati del 9 % e i tiri da 3 punti del 9,2%.

Da notare che non tutti gli atleti coinvolti in questo studio hanno effettivamente dormito per 10 ore per notte.

Ad ogni modo si è potuto notare che la carenza di sonno può inibire le prestazioni.

La ricerca mostra anche che la mancanza di sonno può influenzare la longevità della carriera dei giocatori.

Ci sono anche prove che la scarsità di sonno può aumentare il rischio di lesioni tra gli atleti.
Ma cosa c'è dietro al miglioramento delle prestazioni attraverso il sonno?

Il cervello utilizza il sonno per consolidare la memoria a lungo termine e apre la zona del cervello utilizzata per la memoria a breve termine preparandola ad assorbire nuove informazioni. Durante il sonno, il cervello lavora anche per privilegiare le informazioni che ritiene più importanti. La privazione del sonno è ben studiato sui tempi di reazione: anche una sola notte di deprivazione di sonno può rallentare i tempi di risposta.

Il sonno favorisce il recupero muscolare. Il sonno notturno è un momento fondamentale per la rigenerazione e la riparazione delle cellule del corpo. Un sonno insufficiente, invece, può ostacolare il recupero muscolare.

Il sonno è uno stress-riduttore. Lo stress può interferire con il sonno. Ma la mancanza di sonno può anche influenzare l'umore e ci rendono più suscettibili allo stress e all'ansia.

Questo dimostra quanto il sonno, come la nutrizione, sia uno strumento fondamentale sia per raggiungere uno stato di benessere ottimale sia per migliorare prestazione sportiva.

Quindi non è vero che chi dorme non piglia pesci.

La nutrizione e il sonno sono due potenti armi naturali che vanno maneggiate con consapevolezza. Devi sapere cosa e quando è più vantaggioso mangiare e quando e quanto puoi dormire.

Vince chi sa alimentarsi correttamente e dormire opportunatamente.

 

Write Your Comment

Seguimi su Twitter

La mia pagina facebook