Don’t stress and relax

Posted by admin 9 novembre 2012 0 Comment 973 views

relax_620x350

Quante volte, dopo una giornata di lavoro o impegni vari, hai avuto la tentazione di saltare l'allenamento e recarti altrove? Fuori porta per un aperitivo o anche solo a casa tua a rilassarti...

Personalmente più di una.

Ma poi forse, è sempre il senso del dovere e la nostra determinazione nel raggiungere un obiettivo che ci porta ad infilare le scarpette da corsa, a salire in bici, a spogliarci contro voglia e metterci il costume o a muovere i primi colpi di remo...

Alcuni ricercatori finlandesi si sono accorti di quanto questo evento sia diffuso e di quanto lo stress mentale e l'umore possano influenzare l'adattamento all'allenamento.

Un forte predittore del miglioramento della prestazione è la misurazione del massimo consumo di ossigeno (VO2 max).

Da un lato ci sono i fattori genetici a migliorarlo, mentre dall'altro la capacità di ogni soggetto ed organismo ad adattarsi allo stimolo allenante. Ovviamente non sempre ti è sufficiente aver un buon allenatore che ti confezioni geniali tabelle di allenamento per migliorare la prestazione. Ci vuole anche la tua disponibilità mentale e fisica a farlo.

E, come si dice, se "non hai la testa", l'efficacia dell'allenamento verrà meno.

Lo stress mentale, pertanto, diviene un limite al miglioramento della prestazione, specialmente della capacità aerobica e, quindi, in tutti gli sport di resistenza, in cui l'impegno metabolico va dai 6-7 minuti alle 15 ore e oltre.

Già lo sapevi, perchè provato sulla tua pelle, ma ora è anche documentato.

Per questo è fondamentale saper modificare l'allenamento e i suoi carichi (intensità e volume) anche a seconda della tua disponibilità mentale ad affrontare stimoli esterni.

Il delicato gioco della modulazione degli allenamenti.

Non dimenticarti che l'atleta è una somma di elementi che includono sia la componente fisica sia quella psicologica.

Un aiuto dalla natura arriva dal magnesio.

Lo trovi principalmente in tutte le verdure a foglia larga e verde scura. Ma a volte non è sufficiente e risulta vantaggioso integrarlo. Prima di prender sonno è certamente il momento ideale per assumerlo: rilassa muscoli e mente e, quindi, aiuta a combattere lo stress nella sua totalità.

E come ripeteva un mio vecchio tecnico "Don't stress, relax".

BIBLIO:

- Ruuska et al. Self-rated mental stress and exercise training response in healthy subjects. Frontiers in Physiology, Vol. 3, Art. 51, march 2012

L'articolo è free al link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3298959/pdf/fphys-03-00051.pdf

FOTO: Goolge Images

 

 

 

Write Your Comment

Seguimi su Twitter

La mia pagina facebook