Metti sale in…borraccia

Posted by admin 31 gennaio 2012 0 Comment 1316 views

Che faccia caldo o freddo, che tu stia correndo o pedalando, non ce n’è. Idratare il tuo corpo è una questione vitale. Oltre che di prestazione.

Acqua. Se ci slacciamo le scarpette dopo un’ora dall’averle allacciate.

Acqua e sali minerali se vogliamo impegnarci per più tempo.

La carenza di uno o più minerali persi attraverso la sudorazione crea problemi al tuo organismo. E’ importante, quindi, ridare all’organismo i minerali che si trovano nel sudore: sodio, cloro, potassio e magnesio.

Il sodio è sicuramente il minerale più importante, sia perché è quello che viene perso in maggiore quantità negli atleti, sia perche l’iponatremia (ovvero quando una quantità eccessiva di acqua diluisce i livelli di sodio nel sangue) è un serio rischio. Se la bevanda salina assunta contiene sodio la reidratazione è più rapida perché favorisce l’assorbimento di acqua a livello intestinale.

Il potassio lavora in sinergia col sodio. I due minerali assunti insieme determinano una maggior velocità di reidratazione.

Anche il magnesio viene perso con facilità in quanto contribuisce alla contrazione muscolare. Il problema è che è di difficile integrazione. E a tavola lo troviamo con difficoltà. Una sua integrazione, anche  a riposo, nella fase di recupero, ti aiuta a prevenire i crampi muscolari e a rilassare muscoli e mente. (http://sporteat.wordpress.com/2011/10/25/una-marcia-in-piu-col-magnesio/)

C’è poi un ricercatore chimico americano, tale Jonathan Toker che, appesa muta, bici e scarpette al chiodo ha deciso di darsi da fare per creare e produrre delle piccole capsule contenenti questi i sali minerali di cui l’organismo ha bisogno sotto sforzo.

Sono ormai diffuse nelle discipline in cui lo sforzo fisico limita un’adeguata e costante idratazione liquida (acqua + sali). Sono numerosi i ciclisti, triatleti e runners che ne fanno uso.

Sottolineo che ogni atleta suda in modo differente, reagisce al calore e all’umidità in maniera diversa; per non parlare poi della gestione soggettiva dello stress di una gara o di un allenamento impegnativo.

Queste capsule non sostituiscono di certo la tanto cara e amata borraccia ma sono una valida – in quanto pratica-  alternativa all’integrazione degli elettroliti per prevenire la disidratazione in quegli sforzi che si protraggono oltre le due ore.

Ascolta sempre il tuo corpo. Prima durante e dopo. Pianifica con tempo la strategia di integrazione.  E non dimenticarti di metter sale in…borraccia!

 E se sei curioso: http://saltstick.com/ Immagine

Foto da: www.blog/saltstick.com

Write Your Comment

Seguimi su Twitter

La mia pagina facebook