Pedala, pedala…contro l’effetto wind chill

Posted by admin 13 dicembre 2011 0 Comment 860 views

In riferimento al post "Corri...verso l'inverno!" mi è stato chiesto se anche in bicicletta, come nella corsa, la spesa calorica resta la stessa ? Si vocifera che a parità di sforzo la temperatura percepita può essere molto inferiore a causa dell effetto wind chill anche detto effetto di raffreddamento del vento per il quale, quando tira vento, sentiamo di più il freddo.

Ma è davvero così?

In generale la spesa energetica di nessuna disciplina sportiva si modifica in base alla temperatura, cioè il costo energetico di un determinato gesto rimane invariato sia che lo eseguiamo al caldo o al freddo. Correre così come pedalare.
Una piccola differenza però, tra le due attività, c’è ed è legata al fatto che la potenza che si deve esprimere per vincere la resistenza dell’aria sale in modo esponenziale con l’aumentare della velocità.

Più si pedala veloce, più resistenza si deve vincere.

Alle velocità alle quali si corre a piedi, perciò, é del tutto trascurabile, mentre sale ad oltre il 90% del totale quando si pedala a 40 km/h. Se poi fa freddo, si eleva ulteriormente poiché la resistenza dell’aria dipende anche dalla sua densità che aumenta con l’abbassarsi della temperatura. Più fa freddo, più l’aria è densa, ulteriore è la resistenza da vincere.
Pertanto, in questo caso, la spesa energetica del motore umano non è aumentata dal freddo bensì dalla maggior resistenza da vincere, cosa scaturita da una densità dell’aria maggiore.

Aggiungo: non alimentiamoci di più col freddo ma copriamoci adeguatamente!

Puoi vedere il botta e risposta sotto al post "Corri...verso l'inverno!" o più rapidamente al link http://sporteat.wordpress.com/2011/11/23/corri-verso-linverno/ 

 

Foto da: http://licensed-solipsist.blogspot.com/2009/09/while-browsing-net_13.html

 

Write Your Comment

Seguimi su Twitter

La mia pagina facebook