Se un giorno incontrassi il genio della lampada…

Posted by admin 6 novembre 2012 0 Comment 2362 views

"Signorina, se mi permette, non mi sembra un libro adatto a lei" mi dice un cameriere gentile, con un'eleganza e un savoir faire d'altri tempi tipico di quei bar parigini, sorridendomi e servendomi un piatto di bresaola e verdure grigliate...

"L'invecchiamento" di Gian Nicola Bisciotti - Ed. Calzetti e Mariucci

Se un giorno avessi la fortuna d'incontrare un qualunque genio della lampada che mi concedesse di scegliere un'età alla quale fermare per sempre la mia vita, non avrei il minimo dubbio o la più fugace esitazione in proposito: sceglierei i miei vent'anni di un tempo che fu. Sì perchè ho da sempre pensato che i vent'anni siano l'età di gran lunga migliore di tutta la nostra esistenza. A vent'anni non siamo più dei bambini, ma abbiamo ormai acquisito lo status sociale degli adulti, o meglio di semi-adulti, perchè di questi abbiamo, o perlomeno stiamo acquisendo, tutti i diritti senza però sobbarcarci dei conseguenti doveri ed ancor meno responsabilità . Insomma, possiamo ancora arrogarci il diritto di esser grandi, sfruttando ancora l'impunità propria degli adoloescenti.

Peccato che il genio della lampada non esista e, forse, non sia nemmeno mai esistito, come d'altronde non esistono scorciatoie nella vita. La mia, di vita intendo, anche se in fin dei conti mi sento un uomo fortunato, è sempre un pò in salita, nel senso che tutto quello che ho fatto ho dovuto conquistarlo, come moltissimi altri d'altronde, per cui è stata un'esistenza piuttosto faticosa e il pensiero d'invecchiare, quindi di allentare di conseguenza le tensioni che mi hanno accompagnato fin d'ora, non mi disturba per niente, anzi...

In fin dei conti ho sempre pensato che l'uomo nasce, muore e forse invecchia, e quel "forse" rappresenta indubbiamente una fortuna.

Ho sempre avuto un piccolo mio segreto per vivere con serenità il passare del tempo, quello di avere sempre tanti sogni da realizzare e su cui profondere il massimo delle mie energie fisiche e mentali. Però voglio tenermi un sogno, il più bello, quello che tengo in fondo al mio cuore si da bambino, così come è senza mai realizzarlo, perchè un sogno è più bello rincorrerlo che raggiungerlo.

Forse è questo il segreto della vita.

Forse è questo il segreto dell'eterna giovinezza.

Nessun suggerimento di alimentazione o allenamento a questo post, ma semplicemente il desiderio di condividere con te un passo di un libro estremamente interessante sulla biologia, fisiologia dell'invecchiamento e sulle strategie anti-aging.

 

Write Your Comment

Seguimi su Twitter

La mia pagina facebook